Partenza per New York: ultimo post dall'Italia prima del grande salto!
  • Partenza per New York: ultimo post dall’Italia

    Nov 16th • Filed under New York

    partenza per new york

    Eccolo qui, l’ultimo post prima della partenza per New York. Questa storia ci ha accompagnati per tanti giovedì. Tanti miei giovedì passati a scrivere, raccontare la mia storia. Tanti vostri giovedì, ad aspettare il seguito del racconto, a sperare con me.

    E così siamo arrivate alla settimana prima della mia partenza per New York.

    Non mi sembra vero!

    I mesi sono filati via veloci, come le perle di una collana tra le dita. Sono passati uno dopo l’altro, con il loro carico di aspettative, speranze e angosce. Il grande momento è arrivato!

    Cosa mi aspetto da questo viaggio?

    Mi aspetto di poter delineare i miei limiti. Mi aspetto di capire chi sono e cosa posso fare. Mi aspetto di scontrarmi con grandi momenti di difficoltà e paura, ma anche di riuscire a trovare un equilibrio in mezzo al caos.

    Non sono mai stata sola dall’altra parte del mondo, non ne ho neanche mai sentito il bisogno, prima di conoscere la Grande Mela.

    Ma ora, ad un passo dalla mia partenza per New York continuo a pensare che se tutto ciò è avvenuto è perché dovevano andare così le cose.

    Sono una di quelle persone che crede fermamente nel destino. Credo che “whatever happens, happens for a reason”. E quindi questo è un tassello di una storia un pochino scritta. Il resto dipenderà da me.

    Sapete, New York ha cambiato tante prospettive. Ha messo le carte in tavola.

    Mi ha spinto a guardarmi allo specchio e chiedermi cosa voglio. Mi ha fatto diventare estremamente autocritica nei miei confronti.

    Mi ha anche fatta sentire tanto sola, perché poche, pochissime, sono le persone che hanno davvero capito questo mio bisogno e hanno appoggiato questa scelta. Poche, pochissime le persone che hanno gioito con me per la vincita della Green Card.

    Poche, pochissime le persone che ho tenuto vicine in questo percorso.

    New York ha puntato il riflettore sulla mia vita e mi ha obbligato a vedere le cose esattamente com’erano. E non è semplice. Tutti noi abbiamo delle zone d’ombra, dei cantucci scomodi della nostra storia, della nostra vita, che vorremmo semplicemente dimenticare.

    E invece no. È successo qualcosa che ha reso impossibile tenere la testa sott’acqua, una spinta a risalire. Un’energia che mi ha impedito di continuare a farmi trasportare dalla corrente e mi ha fatto tornare a sentirmi viva.

    La stessa energia che ora mi tiene sveglia la notte e mi sussurra “sarai all’altezza?”.

    Una volta forse mi sarei tirata indietro, sarei rimasta nel mio posticino sicuro senza rischiare nulla. Ora continuo a pensare che si vive una volta sola, che è troppo importante ogni secondo di questa vita per esser buttato via.

    Continuo a pensare che c’è uno scopo, un obiettivo. E io voglio trovare il mio.

    Cosa accadrà nelle prossime settimane non lo so. Affronterò questo viaggio giorno per giorno, un passo per volta.

    La settimana scorsa, parlavo con una mia amica, le confidavo le mie paure e le mie insicurezze. Lei mi ha guardata e mi ha detto ” Nella vita nulla è sicuro, non farci troppi pensieri. Vai e fai quello che senti. Le persone parlano, ti mettono dubbi e ansie, ma fare un salto del genere non è da tutti. Avere il coraggio di cambiare, di lasciare il porto sicuro. Avere la forza di smettere di lamentarsi e semplicemente cercare qualcosa di meglio. Qualsiasi cosa accadrà sarà una vittoria, sarà un’esperienza che ricorderai per sempre”.

    Ci ho pensato un po’ e ho deciso che aveva ragione lei. Che nulla è davvero certo e l’unica cosa della quale dobbiamo essere certi è noi stessi.

    Quindi questo viaggio sarà un po’ il mio viaggio alla “mangia, prega, ama”. Un viaggio alla scoperta di me. Dei miei confini e delle mie risorse. Un viaggio non in solitaria, ma con me stessa.

    A giovedì prossimo,

    questa volta… da New York.

    G.

     

    partenza per new york

     

    “Partenza per New York: ultimo post dall’Italia” è parte di un filone di post relativi alla mia storia a New York. Puoi trovare il primo episodio, dove tutto ha avuto inizio, qui. Un viaggio lungo tre anni, un sogno che si è realizzato con la vittoria della Green Card Lottery (ti spiego come partecipare alla lotteria qui) e un futuro tutto da scrivere. Ti aspetto sui miei canali social per scrivere assieme questa avventura: InstagramFacebookYouTube.

     

     

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    4 comments
    Partenza per New York: ultimo post dall’Italia

    • Francesca ha detto:

      In bocca al lupo per il tuo viaggio Greta!!! Continua a scrivere e a tenerci compagnia con i tuoi outfit, i tuoi racconti e la tua voglia di vivere a pieno ogni cosa!
      Un caro abbraccio!!!!

    • Ximena ha detto:

      Ciao Greta, sono felice per te perche inseguirai ciò che tanto desideri.. Fallo e non pensarci troppo… Te lo dico per esperienza anche io a marzo mi recai in Irlanda per raggiungere il mio obiettivo.. Purtroppo pero io non ebbi nessun appoggio.. Mi SN trovai da sola nel senso che bb potevo contare CN nessuno XK non approvarono la mia scelta.
      Ma…come dici tu le cose succedono per un motivo..!! Un abbracciò fortee