Un altro anno se ne va: goodbye 2016 and thank you
  • Un altro anno se ne va: goodbye 2016 and thank you

    Dic 28th • Filed under Fashion, Lifestyle

    Il 2016 è stato un anno senz’altro impegnativo. Ricordo che alla mezzanotte del capodanno scorso ho pensato tra me e me “il 16 è il mio numero preferito, accadrà sicuramente qualcosa di magico”. Non saprei dirvi se è accaduto davvero qualcosa di magico negli ultimi 362 giorni, ma quello che posso assicurarvi con certezza è che di cose ne sono accadute tante, belle e meno belle. Se dovessi descrivere il mio 2016 direi che è stato come una montagna russa, un continuo sali scendi (per la prima parte più sali..) che spesso mi ha fatto sentire disorientata e in difficoltà. E’ stato un anno di grandi cambiamenti, sia nello stile di vita, in me stessa e nelle persone che ho portato con me in quest’anno ormai agli sgoccioli. Di certo è stato un anno che mi ha permesso di conoscermi a fondo, molto più a fondo di quanto avrei voluto, forse. A volte conoscersi tanto bene è un arma a doppio taglio, una volta evidenziate le tue debolezze e i tuoi limiti, li vuoi superare tutti. E’ stato anche un anno che mi è sfuggito un po di mano, nel senso che spesso ho avuto la percezione che fosse tutto troppo “pieno”, tanto da non riuscire a organizzare, fare, persino pensare tante cose. Ma è stato anche un anno pieno di sorprese, crescita e rivelazioni, ma soprattutto un anno in cui ho capito che io ce la posso fare. A far cosa? A fare tutto ciò che mi passa per la testa. E questo è fico, molto fico.

    Mi piace pensare che di quest’anno vorrei ricordare i momenti sì, più che quelli no. Quindi eccone alcuni:

    A Febbraio c’è stato il mio compleanno! Io ho sempre amato il mio compleanno, mi piace festeggiare, ma soprattutto mi piace avere attorno a me le persone importanti della mia vita. Quest’anno non ero però molto in vena di festeggiamenti, forse perché le candeline da spegnere erano ben 29 e sentivo ormai il peso dei 30. Questa cosa dei 30 dobbiamo sviscerarla: la società ci obbliga a stare in alcuni schemi per me assurdi. Hai 30 anni devi sposarti, avere un lavoro fisso e fare dei figli. Ma perché? Per me hai 30 anni e devi essere felice, punto. Comunque alla fine ho ricevuto una super festa a sorpresa, che mai mi sarei aspettata e quindi ho inondato di lacrime (di gioia) il giorno del mio compleanno e i miei invitati e me ne sono fregata del fatto che fossero 29.

     

    Vi dirò di più, per il mio compleanno mi sono fatta un regalo davvero speciale..quale? Il realizzarsi di un progetto che sembrava folle: l’apertura di questo sito. La follia stava sostanzialmente nel fatto che mi sono messa a programmarlo tutto da sola pur non sapendo una fava di codici, html ecc. Ma io sono fatta così, se ho in mente una cosa, la voglio come dico io! Ai primi di Marzo è così andato ufficialmente online gforgrace.com!

    In Primavera ci sono stati diversi eventi ai quali ho partecipato con alcune compagne di avventura bloggers. E’ stato il primo vero passo in questo mondo per me nuovo, nel quale ho avuto modo di misurarmi non tanto nel confronto con le altre blogger, ma quanto più capendo davvero cosa volevo fare e chi ero io.

    All’evento organizzato da Maliparmi sono andata un po’ spaesata e incuriosita e ho avuto la possibilità di conoscere tante altre ragazze che hanno la mia stessa passione, anche se operano in altri ambiti. Ci sono andata con le mie scarpe rosse porta fortuna, mi sembrava di essere al primo giorno di scuola.

     

     

    Sono poi seguiti la giornata modaiola organizzata da Glamour qui a Padova, con tanti piccoli eventi ai quali ho partecipato sempre con curiosità (e un po’ di occhio critico) e l’Instameet a Cittadella organizzato da Igerspadova durante il quale ho avuto l’opportunità di provare delle macchine reflex marchiate Canon davvero sssssuper!

     

     

     

    A Maggio sono andata qualche giorno sul Lago d’Iseo per il noventesimo compleanno della mia dolce nonnina e ho scattato delle foto molto belle al lago e alle montagne che lo circondano. Ho preso un break dalla realtà patavina e da quella milanese che si alternano settimanalmente nella mia vita e mi sono circondata di persone di famiglia, godendomi la loro presenza e compagnia. Ci voleva proprio! Il clima era splendido, c’era un bel sole caldo e il cielo era blu come piace a me.

     

     

    Poi finalmente l’estate ha iniziato a comparire e io, amando l’estate, non ho potuto che esserne super felice. Sono comparsi i primi abiti leggeri, gli outfit dai colori tenui e i primi post “seri” qui sul blog. Ho iniziato a scattare delle foto solo per i post da pubblicare sul blog, non più per Instagram.

     

     

    In estate ho deciso che questi 29 anni non mi avvicinavano per nulla ai 30 e così ho mandato a quel paese tutte le convenzioni,  mi sono tinta i capelli rosa cipria e mi sono semplicemente goduta la vita senza pensare.

     

     

    Poi sono andata in Croazia. Ricordo che a fine Luglio prima di partire ero molto molto stanca, i mesi precedenti erano stati impegnativi sia per il lavoro che per la vita privata: io e il mio lui avevamo infatti messo su una casetta e Ikea era diventato una specie di girone infernale per noi. Soddisfatti ma stanchi morti avevamo davvero bisogno della nostra vacanzina croata in barca.

    Ci siamo quindi goduti il nostro meritato relax e le nostre tre settimane al mare, senza orari, senza ritmi, senza impegni. Abbiamo fatto i cacciatori di tramonti, tutte le sere siamo andati sul lungo mare a godere di questo spettacolo pazzesco e ci siamo sentiti subito più carichi (e meno trentenni..)!

     

     

    Per quanto mi riguarda, io mi sono dedicata a prendere il sole, fare yoga al tramonto, bere ottimo vino, mangiare cibi sani (più o meno….) e godermi la compagnia del mio lui e degli amici che ci hanno raggiunto in Croazia.

     

     

    anno

     

    anno

     

    Poi ho deciso che era giunto il momento di darsi una scossa e superare qualche paura.. Iniziamo da quella dell’altezza? Così ho cercato in Internet una scogliera dalla quale fosse safe tuffarsi e ci ho trascinato tutta la mia allegra truppa di amici. E….dopo un po’ di esitazione, con lo stomaco stretto stretto, mi sono buttata. Ricordo che nel momento in cui mi sono affacciata alla scogliera ho pensato “nessuna paura mi renderà schiava” e ho saltato. I primi attimi sono stati di PA-NI-CO puro (tipo “sei impazzita???che diavolo stai facendo??), ma poi era vita pura..e adrenalina!

     

    anno

     

    Pooooi…Cos’è successo poi? Ah , si.. Poi vi ho portate con me a New York. Tre settimane nella Big Apple, nel posto che io considero il mio posto nel mondo. Ho ancora tantissime foto da mostrarvi su NY, spero di riuscire ad organizzarle per bene e pubblicarle a poco a poco qui (che il 2017 porti tempo per fare anche questo!)..

     

    anno

     

     

    anno anno

     

    anno

     

     

    anno

     

     

    anno

     

     

    anno

     

    New York mi ha accolto con un tramonto spettacolare, il rosso del sole che scendeva colorava tutto lo skyline di Manhattan man mano che mi avvicinavo alle vie che ben ricordavo e agli odori che non ho mai scordato. E’ stato uno spettacolo surreale, mentre il taxi si avvicinava a Manhttan i profili dei grattacieli si stagliavano nel cielo infuocato, uno spettacolo che non dimenticherò davvero mai. New York è stata una boccata d’aria, il mio momento, il mio porto sicuro. Le settimane lì sono state come ossigeno puro, io mi sono ritrovata e sentita davvero me stessa. Come una fenice sono rinata, ho ricalibrato il mio itinerario interiore e ho ritrovato le mie energie, le mie ispirazioni. Le strade di Manhattan, il suo traffico incessante, la folla che calca i marciapiedi, il suo vibe mi hanno fatta sentire ancora una volta viva. E settembre è stato per questo il mio mese preferito, perché mi ha portato a New York e subito dopo mi ha portato una grossa possibilità, su NY. New York mi ha anche regalato un nuovo amico, una persona davvero genuina e speciale, per la quale sono grata. A volte il destino ci fa delle sorprese splendide!

    Poi sono tornata in Italia e poco dopo è arrivato Halloween, e mi sono divertita a creare qualche trucco e travestimento per la notte più spaventosa dell’anno e che ho poi condiviso con voi qui sul blog! Ho anche girato il mio primo video un po’ più tecnico e nonostante sia stato un lavoro impegnativo mi è piaciuto accettare questa nuova challenge.

     

    anno anno

     

    A Novembre ho avuto l’onore di collaborare con due aziende: una di moda e una di accessori. E’ così che ho avuto modo di mostrarvi i bellissimi orologi in legno di Jord e i capi della nuova collezione invernale Desigual.

     

    anno anno

     

    Poi è arrivato il giorno del ringraziamento e, da lì a Natale, il tempo è volato..

     

    anno

     

    Abbiamo preparato l’albero di Natale e gli outfit per le feste assieme, abbiamo fatto il conto alla rovescia per il grande giorno condividendo assieme i dubbi sui regali da acquistare..

     

    anno anno

     

    anno

     

    anno

    anno

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    anno

     

    Ma la moda? Quanti outfit per questo 2016, ve li ricordate? Eccone qualcuno..

     

    [metaslider id=1517]

     

    Nel concludere questo viaggio di ricordi torno a dirvi GRAZIE. Grazie a tutte le ragazze che ogni giorno mi scrivono, lasciano un commento, un buongiorno o un semplice smile. Grazie a tutte le ragazze che hanno contribuito a far crescere a poco a poco G for Grace (su Instagram siamo più di 10.000!), grazie per tutti i consigli, critiche, pensieri e riflessioni che aiutano a migliorare sempre.

    Non amo fare bilanci, la vita è fatta di sentimenti ed emozioni oltre a fatti e avvenimenti, e questi sono molto difficili da quantificare o annoverare come positivi o negativi. Cosa mi aspetto per il 2017? Quest’anno niente obiettivi o aspettative.. Ho in mente un’idea che a breve vi presenterò qui sul sito e che, se lo vorrete, vi permetterà di partecipare e di “vivere” questo 2017 in arrivo tutte assieme.

    Concludo augurandovi di riuscire a salutare questo 2016 nel modo più sereno possibile, facendo tesoro di ogni vittoria, ma anche di ogni sconfitta, ringraziando per ogni momento positivo e imparando da quelli negativi. Dal 1° Gennaio avremo una nuova storia da scrivere, 365 pagine bianche pronte a raccontare nuove avventure, vi auguro che questo racconto sia come lo desideriate, che pulsi di vita, che parli di voi e dei vostri traguardi, che sia ricco di colpi di scena, ma che vi veda sempre protagoniste.

    Spero che condivideremo assieme anche il 2017, vi faccio i miei più teneri auguri e vi abbraccio ad una ad una..

    A prestissimo,

    G. ♥

     

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *